ECM

Il massofisioterapista di formazione triennale ha diritto e dovere di ECM, lo dice

l’Agenas: 27/03/2015 – Obbligo di ECM per i Massofisioterapisti

Perviene alla segreteria ECM un elevato numero di richieste di chiarimento sulla possibilità di acquisizione crediti da parte dei Massofisioterapisti.
A tal proposito, in applicazione della vigente normativa nonché in coerenza con quanto sancito dalla giurisprudenza in materia, si specifica che:

  • il massofisioterapista in possesso di uno dei titoli di cui al D.M. luglio 2000 (Leggi  DM 2000 27 luglio) è EQUIPOLLENTE al fisioterapista ed è pertanto soggetto all’obbligo di ECM;
  • il massofisioterapista in possesso di un titolo diverso da quelli di cui al D.M. luglio 2000 è soggetto all’obbligo ECM solo se possiede il provvedimento di EQUIVALENZA rilasciato dal Ministero della Salute.

Se qualche provider Vi nega l’accesso dicendovi che il DM 2000 riguarda i diplomati entro alcuni anni, e non altri, fate presente che la la sentenza CDS-1105-15 chiarisce ogni dubbio e se non vi danno gli ECM minacciate denuncia alle autorità, vedrete che Vi faranno accedere e vi daranno gli ECM: Tratto dalla sentenza del CdS 1105 del 2015:

8. Deve, in primo luogo, evidenziarsi che non ha fondamento normativo la tesi sostenuta dall’Università secondo cui l’equipollenza prevista dal d.m. 27 luglio 2000 riguarderebbe solo i diplomi di massofisioterapista conseguiti entro il 17 marzo 1999, a seguito di corsi iniziati entro il dicembre 1995.

Al contrario, ai sensi dell’art. 1 del d.m. 27 luglio 2000, l’equipollenza vale per tutti i titoli di massofisioterapista conseguiti in base alla legge 19 maggio 1971, n. 403, a prescindere dalla data di conseguimento o di inizio dei corsi, cui il citato decreto non attribuisce alcuna rilevanza.

9. Appurato che il diploma di massofisioterapista posseduto dall’originario ricorrente rappresenta titolo equipollente al diploma universitario di fisioterapista, non hanno pregio le ulteriori censure sollevate dall’Università dirette a sostenere che tale equipollenza, comunque, non varrebbe ai fini dell’accesso al corso di laurea in fisioterapia, ma ai soli fini del riconoscimento dei crediti formativi, in seguito all’eventuale superamento del test d’ingresso per accedere al corso di laurea.